moventi

Ci muove la consapevolezza che il benessere della società di cui facciamo parte sia fondato su modi di abitare la Terra insostenibili e iniqui, che talvolta si appaiono grottescamente autolesionistici.
Ci domandiamo come evolverà la situazione nei prossimi anni, tanto nell’habitat abituale degli ecosistemi che frequentiamo – in particolare le penisole iberica e italica, l’arco latino-mediterraneo, il Vecchio Continente – quanto nell’insieme della biosfera.

Da oltre una decina di anni constatiamo che il futuro sarà molto più rischioso e incerto di quello che durante l’infanzia e la prima giovinezza si poteva generalmente ritenere nel nostro contesto sociale e geografico. Gli eventi degli ultimi mesi hanno accentuato la percezione di fragilità e consolidato l’urgenza di prepararci ai cambiamenti partendo dal nostro quotidiano, allenarci alla resilienza.

La percezione del disincanto deriva anche dall’abitare a Roma, meravigliosa e decadente capitale di un Paese come l’Italia che, sebbene abbia le potenzialità di ospitare comunità umane all’avanguardia nel saper vivere nella libertà e nell’armonia, ci sembra abitato in prevalenza da una popolazione (tra le più ricche, “sviluppate”, anziane e longeve del mondo) che antepone sistematicamente il perseguimento di interessi individuali di breve periodo alla costruzione e alla condivisione di un benessere diffuso e durevole.

Siamo preoccupati dalle crisi ambientali, dai cambiamenti climatici e dalle estinzioni di massa, dall’aumento delle disuguaglianze tra esseri umani, dagli effetti dell’iperinformazione, del modo prevalentemente autodistruttivo con cui la nostra specie considera e utilizza la natura, le conoscenze, le scienze, le tecnologie, le ideologie, le religioni, le istituzioni, il potere, il denaro, la proprietà, le relazioni sociali.

Siamo fiduciosi di poter acquisire e affinare, anche grazie a questo pellegrinaggio, strumenti e capacità utili ad affrontare queste preoccupazioni e, nella finitezza spazio-temporale delle nostre esistenze terrene, capire meglio dove collocarci e come agire per vivere felicemente e magari contribuire un poco al miglioramento di un sistema – il mondo – di cui ci sentiamo parte nella sua interezza.
Nel farlo, richiamandoci al detto dei nativi americani “Non ereditiamo la terra dai nostri avi; la prendiamo a prestito dai nostri figli. Nostro è il dovere di restituirgliela” cercheremo di associare il dovere e il piacere.

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto

per continuare la navigazione, leggo e accetto le condizioni dei cookies leggo tutto

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi